Consigli per la visione

BABEL

 

La violenza che ferisce il corpo e l’anima, la rabbia e la vendetta sono di nuovo al centro dell’opera del messicano Alejandro Gonzales Inarritu (Amores Perros, 21 grammi).

L’arrivo di un fucile in una famiglia di pastori dell’altopiano marocchino è la scintilla che innesca una serie di drammatici eventi in una torre di Babele che riunisce Stati Uniti, Messico, Giappone e Marocco. Durante il pascolo, i due fratellini giocano a provare la gittata dell’arma sparando in direzione di un pullman di turisti americani.
Un proiettile colpisce una donna (Cate Blanchett) in viaggio con il marito (Brad Pitt). Contemporaneamente, ma non in ordine cronologico, negli States due bambini si addormentano accuditi dalla governante messicana. E in Giappone una ragazza sordomuta perde una partita di pallavolo per un “out” non visto dall’arbitro. Da qui un intreccio di storie su più livelli: geografico, temporale e linguistico (quattro lingue nazionali più quella dei gesti, per i non-udenti). Il ritratto di un’umanità ignorante, che non riesce a comunicare e, soprattutto, che non riesce ad agire. Un film corposo, lungo, avvolgente, pieno. Che emoziona e coinvolge lo spettatore, seppure con qualche concessione di troppo alla retorica nel finale. Uno stile barocco e personale, quello di Inarritu che talvolta può apparire artificioso, ma che non lascia mai indifferenti

Regia di Alejandro G. Iñárritu.

Cast: Brad Pitt, Cate Blanchett, Gael García Bernal, Kôji Yakusho, Adriana Barraza.

Genere Drammatico – USA, Francia, Messico, 2006.

Durata 144 minuti.

STREAMING:

https://tinyurl.com/ycemgd46

 

LINK DIRETTI PER IL DOWNLOAD IN DIVERSE RISOLUZIONI

(I file si trovano sul server Rai.)

512 x 288 (741 MB)  https://tinyurl.com/ycsyujr2

736 x 414 (1245 MB)  https://tinyurl.com/ycrnstxx

1024 x 576 (1869 MB)  https://tinyurl.com/y7xnzqa3

1280 x 720  (2485 MB)  https://tinyurl.com/y7uftolp

 

Precedente Consigli per la visione Successivo Consigli per la visione

8 commenti su “Consigli per la visione

    • zovvo2 il said:

      Grazie. Ma è lo scan fatto da czur o quello uscito da Scan Tailor? Le foto le vedo molto contrastate, sono così anche gli originali?

  1. Allora: ti allego lo scan originale, fatto tutto in modalità colore con lo czur; poi però con il software proprietario ho convertito le pagine con il solo testo in scala di grigi, lasciando inalterate le altre con immagini in B&W e a colori. Quello che hai già visionato è l’output di scantailor, fatto però utilizzando il file tiff generato sempre dal software dello czur. Le immagini in B&W le ho ripassate con gimp aumentando il contrasto e convertendole in scala di grigi; quelle a colori le ho lasciate come sono uscite da scantailor dopo averne sbiancato i bordi ed averle equalizzate.
    Spero di essere stato chiaro, se no chiedi.
    Ciao

    • zovvo2 il said:

      Noto che sono già le scan originali ad essere molto contrastate: magari si potesse intervenire su czur per evitare questi eccessi, ma se non si può pazienza. Sarebbe il massimo perché ci sarebbe finalmente uno strumento che scannerizza nel tempo del clic di una fotocamera e, a differenza della reflex che uso, consentirebbe sia di girare semplicemente le pagine senza afferrare ogni volta il libro come faccio io, e sia di avere un correzione delle deformazioni in tempo reale. Praticamente si potrebbero fare anche intere enciclopedie.
      Il lavoro che hai fatto con Scan Tailor e Gimp è ottimo quindi userò questo per fare il pdf, cercando al più di ridurre i bordi bianchi troppo ampi e aggiungere le copertine. In linea generale ti consiglio però di non impostare l’equalizzazione di Scan Tailor perché non dà sempre risultati buoni: meglio intervenire poi con il fotoritocco per migliorare le illustrazioni: se sai usare bene il fotoritocco, e in particolare Photoshop, non ti serve altro per avere il completo controllo del giusto contrasto, luminosità e saturazione delle fotografie.
      Ti darò poi il risultato sulla chat di Mega. Ciao.

      • pierorossi il said:

        Io ho il modello precedente, senza l’illuminazione integrata sul piantone, che si avvale invece di due lampade a led esterne che devi posizionare manualmente. Questo influisce sul risultato finale, soprattutto se non si riesce ad illuminare la pagina in modo uniforme. Ho controllato: c’è un regolatore dell’esposizione, di default in auto, ma che si può usare in manuale, e poi un’opzione per la qualità di output del jpg (bassa,media.alta). Grazie per i consigli, ma purtroppo non so usare Photoshop e ti confesso che lo scan delle pagine con immagini non ha convinto neppure me.

        • zovvo2 il said:

          Ok, il pdf è pronto in chat.
          Potresti provare ad usare qualcosa per riprodurre una luminosità uniforme, anche se è per esperienza so che è difficile puntare fonti luminose sui libri senza produrre fastidiosi riflessi o luce troppo dura, a causa del tipo di fonte, della distanza dalle pagine o della direzione.
          In alternativa potresti aumentare manualmente l’esposizione, impostare al massimo la qualità del jpg per i libri illustrati e, se si può, non applicare nessuna elaborazione che non sia la sola correzione delle deformazioni. Non preoccuparti delle dimensioni aumentate delle scan, tanto servono solo a mantenere una buona qualità di partenza fino all’elaborazione di Scan Tailor e poi quest’ultima la si porta a 300 dpi in modo che il pdf non diventi esagerato. Si può fare una prova con poche scan naturalmente.
          Questo per i preziosi libri illustrati che stai producendo finora, invece per i libri di solo testo le modalità attuali di scansione non costituiscono nessun problema.
          Ciao.

  2. Paulino Petri il said:

    Ciao Zovvo potresti per favore mettere su mega il link di LdB3 che e’ stato rimosso da wordpress??

    Grazie e Buona Pasqua!!

I commenti sono chiusi.